8 regole semi-serie per scrivere un essay

by @raimondiand

  1. l’essay non lo stai scrivendo al supervisor o per il supervisor, visto che lui comunque ne saprà sempre più di te a prescindere. Fa’ finta che stai spiegando qualcosa di difficile a un bambino molto intelligente. Il bambino è intelligente e capirà ogni cosa che dici, se gliela spieghi bene. Se non gliela spieghi bene, il bambino ti chiederà “Perché? Perché? Perché?”. Quando scrivi, fa’ finta che hai quel bambino alle spalle che ti urla fastidiosamente “perché?”.
  2. l’essay è la tua difesa davanti al tribunale della ragione filosofica: qualunque cosa tu dica può essere usata contro di te.
  3. scrivere un essay è come commentare il particolare di un quadro. Prima cominci descrivendo il quadro in generale, a sommi capi e a grandi linee, per dare il contesto. poi “zoommi” sul particolare.
  4. scrivere un essay è come guidare: devi guardare avanti e avere in mente la destinazione. Ovviamente, ogni tanto dovrai guardare di lato o controllare lo specchiato retrovisore, ma non troppo a lungo, altrimenti esci fuori strada e sbandi.
  5. se puoi dire una cosa in una nota a pie’ di pagina, vuol dire che puoi fare a meno di dirla.
  6. se scrivi una frase che è più lunga di tre righe, forse stai scrivendo due o più frasi.
  7. se scrivi un paragrafo che non è fra le 3 e le 5 frasi, ma più lungo, forse stai scrivendo due o più paragrafi.
  8. le regole 1-7 sono flessibili.

 

courtesy of Vincenzo Politi

 

Advertisements